Operazione di rimozione obbligatoria BPH

Intervento radicale mininvasivo sul pancreas: il video dell'operazione

Tasso vilprafen nel trattamento della prostatite

L'adenoma prostatico o l'iperplasia prostatica benigna è il problema più comune negli uomini anziani. Quasi un terzo di questi pazienti ha bisogno di un trattamento chirurgico. Le condizioni in cui è necessaria un'operazione per rimuovere l'adenoma prostatico possono essere suddivise in urgenti acute e pianificate.

Si ricorre a interventi chirurgici regolari in caso di sintomi clinici marcati e di scompenso di iperplasia benigna, come evidenziato da:. Secondo alcuni dati, negli uomini con gravità moderata della malattia, il trattamento chirurgico è anche più efficace dei farmaci.

Le procedure chirurgiche tradizionali utilizzate per l'adenoma prostatico sono rappresentate da quanto segue:. TOUR è noto come il "gold standard" del trattamento chirurgico per l'adenoma. L'accesso alla ghiandola avviene attraverso l'uretra, l'uretra, in cui è inserito il dispositivo endoscopico.

Pertanto, l'operazione si distingue per una bassa invasività e una bassa percentuale di complicanze. Esistono resezioni mono e bipolari la differenza sta nell'uso di diverse apparecchiature. Viene utilizzato con un volume della ghiandola di cm3. Viene eseguito sotto l'influenza dell'anestesia spinale o epidurale.

La chirurgia per rimuovere l'adenoma prostatico mediante adenomiectomia aperta comporta un'incisione nell'addome inferiore e una resezione completa di una crescita benigna. A seconda del luogo di accesso chirurgico, è transcubulare secondo Freierretropubico secondo Lidskyperineale isoorettale e transrettale. L'operazione viene eseguita in anestesia generale. È il metodo più traumatico con un'alta probabilità di sviluppare complicanze postoperatorie. Allo stesso tempo, il principale vantaggio del metodo è la completa assenza di recidiva della malattia.

Il più delle volte indicato per gli adenomi che non sono suscettibili di influenza medica, e il volume della ghiandola è superiore a cm3.

L'incisione transuretrale viene utilizzata negli uomini con piccole dimensioni della ghiandola prostatica, fino a 30 cm3. In questo caso, il chirurgo non rimuove la ghiandola, ma la seziona. Le moderne tecnologie mediche consentono di sviluppare costantemente nuovi interventi chirurgici meno traumatici sulla ghiandola prostatica. Una cosa comune che unisce tutte queste tecniche è che vengono utilizzate solo nelle prime fasi della malattia, quando l'adenoma non è ancora grande.

Non richiedono anestesia generale, dopo l'intervento chirurgico non ci sono praticamente complicazioni, sono sicuri, compresi quelli che assumono farmaci che fluidificano il sangue e hanno gravi malattie concomitanti. Nella maggior parte dei casi, i pazienti non hanno bisogno di cateterizzazione della vescica postoperatoria.

Tuttavia, l'efficacia di queste tecnologie è leggermente inferiore a quella delle operazioni di cui sopra. Come qualsiasi altra procedura chirurgica, la chirurgia della prostata è una procedura invasiva che viola l'integrità di vari tessuti, membrane mucose, vasi sanguigni e vasi linfatici, ecc. A seconda del momento dell'evento, le complicanze postoperatorie sono divise in 2 gruppi: precoce e distante. Uno dei criteri per un esito positivo dell'operazione e una valutazione soddisfacente della qualità della vita del paziente è la conservazione della sua attività sessuale indipendentemente dall'età.

La più alta frequenza di tali complicazioni ricade sul metodo aperto di adenomectomia e TUR. Nuove tecniche in misura minore influenzano la potenza maschile. Il processo di ripristino delle strutture che controllano le erezioni è piuttosto lungo e dipende dalla salute generale dell'uomo, dallo stato della potenza prima del trattamento chirurgico.

Non meno importante della resezione della stessa ghiandola prostatica è la fase di riabilitazione. Prima di tutto, è necessario aumentare l'impegno del paziente a eseguire tutte le procedure. Per fare questo, uno specialista informa un uomo con le caratteristiche del periodo postoperatorio, gli insegna esercizi fisici, previene il verificarsi di ansia e disturbi depressivi.

La prognosi nei pazienti con adenoma prostatico negli ultimi anni è diventata molto più favorevole. Inoltre, la medicina moderna ha le possibilità di un trattamento chirurgico della malattia nelle fasi operazione di rimozione obbligatoria BPH, senza attendere lo sviluppo di complicanze. Il trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico continua ad essere un operazione di rimozione obbligatoria BPH molto urgente dell'urologia moderna. Nonostante gli specialisti stiano cercando con operazione di rimozione obbligatoria BPH le loro forze di ridurre la percentuale di interventi chirurgici, almeno un terzo dei pazienti ne ha ancora bisogno.

In termini di frequenza, gli interventi chirurgici sulla ghiandola prostatica occupano un forte secondo posto in urologia. Per il momento, vengono posticipati, lottando contro la malattia con l'aiuto di farmaci, ma la terapia conservativa dà solo un effetto temporaneo, quindi tre pazienti su dieci sono costretti a giacere sotto il coltello del chirurgo. La scelta di un metodo specifico di trattamento chirurgico dipende dalla dimensione del tumore, dall'età del paziente, dalla presenza di malattie concomitanti, dalle capacità tecniche della clinica e dal personale.

Certo, ogni uomo vorrebbe sottoporsi al trattamento nel modo più efficace, ma il metodo ideale non è ancora operazione di rimozione obbligatoria BPH inventato. Considerando possibili complicazioni e rischi derivanti da interventi chirurgici e resezioni aperte, un numero sempre maggiore di chirurghi sta cercando di salvare il paziente dal problema del "piccolo sangue", controllando le procedure mininvasive ed endoscopiche.

Affinché la procedura chirurgica proceda senza intoppi, è importante cercare aiuto in tempo, ma molti pazienti non si precipitano dal medico, lanciando l'adenoma prima dello stadio delle complicanze. A questo proposito, vale la pena di ricordare ancora una volta a una buona metà dell'umanità che una visita tempestiva all'urologo è tanto necessaria quanto lo stesso trattamento.

Per i tumori di grandi dimensioni, quando il volume della prostata supera ml, la presenza di molte pietre nella vescica, i cambiamenti strutturali nelle pareti della vescica diverticolila preferenza sarà operazione di rimozione obbligatoria BPH alla chirurgia aperta e più radicale - adenomectomia.

In assenza di un forte processo infiammatorio, si preferiscono pietre, piccolo adenoma, tecniche endoscopiche che utilizzano un laser e una corrente elettrica. Come con qualsiasi tipo di trattamento chirurgico, l'operazione ha le sue controindicazioni, tra cui:. È chiaro che molte controindicazioni possono rientrare nella categoria del parente, perché l'adenoma deve essere rimosso in un modo o nell'altro, quindi, se esistono, il paziente verrà inviato a una correzione preliminare delle violazioni esistenti, che renderà l'operazione imminente più sicura.

A seconda dell'estensione dell'intervento e dell'accesso, ci sono vari modi per rimuovere un tumore:. Il trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico mediante chirurgia aperta circa trent'anni fa era quasi l'unico modo per rimuovere un tumore. Oggi sono stati inventati molti altri trattamenti, ma questo intervento non operazione di rimozione obbligatoria BPH la sua rilevanza. Le indicazioni per tale operazione sono tumori di grandi dimensioni più di 80 operazione di rimozione obbligatoria BPHpietre concomitanti e diverticoli della vescica, la possibilità di trasformazione maligna dell'adenoma.

L'adenomectomia aperta avviene attraverso la vescica aperta, quindi viene chiamata anche chirurgia addominale. Questo intervento richiede un'anestesia generale e, se è controindicato, è possibile l'anestesia spinale.

Lo stadio più cruciale dell'operazione è la rimozione del tumore stesso, che comprime il lume dell'uretra, che il chirurgo esegue con un dito. La manipolazione richiede abilità ed esperienza, perché il medico agisce in modo cieco, concentrandosi solo sulle sue sensazioni tattili.

Quando raggiunge l'apertura interna dell'uretra con il dito indice, l'urologo strappa delicatamente la mucosa e con il dito estrae il tessuto tumorale, che ha già spinto la ghiandola verso la periferia. Quando viene evidenziato un tumore, viene rimosso attraverso la vescica aperta, cercando di agire il più attentamente possibile in modo da non danneggiare altri organi e strutture.

La massa tumorale risultante è obbligatoria inviata per esame istologico. Per prevenire il sanguinamento e l'ostruzione della vescica, applicare un lavaggio costante con soluzione salina sterile con tubi posti nel lume dell'organo. I tubi rimangono nella vescica operazione di rimozione obbligatoria BPH circa una settimana, durante i quali i tessuti danneggiati e le pareti dei vasi vengono gradualmente ripristinati, il liquido di lavaggio diventa pulito, il che indica il completamento del sanguinamento.

Nei primi giorni si raccomanda al paziente di svuotare operazione di rimozione obbligatoria BPH vescica almeno una volta ogni ora per ridurre la pressione del fluido sulle pareti dell'organo e le suture appena applicate. Quindi puoi farlo meno spesso - una volta ogni due o due ore. L'indubbio vantaggio dell'adenomectomia addominale è la sua natura radicale, operazione di rimozione obbligatoria BPH la rimozione completa e irrevocabile del tumore e dei suoi sintomi.

Per un'alta efficienza, il paziente, a sua volta, "paga" un lungo operazione di rimozione obbligatoria BPH di degenza fino a una settimana e mezza con un corso semplice e anche più lungo in caso di complicanzela necessità di "sopravvivere" all'anestesia generale, il rischio di complicanze dalla ferita chirurgica suppurazione, sanguinamento, fistolala presenza di una cicatrice postoperatoria sulla parete anteriore dell'addome. La resezione transuretrale TUR è considerata il "gold standard" nel trattamento dell'adenoma prostatico.

Questa operazione viene eseguita più spesso e, allo stesso tempo, è molto complessa, richiede un'artigianalità impeccabile e la tecnologia dei gioielli del chirurgo. Per i tumori di grandi dimensioni o la probabilità di trasformazione maligna in un tumore, è preferibile l'adenomectomia aperta.

I operazione di rimozione obbligatoria BPH del TUR sono l'assenza di suture e cicatrici postoperatorie, un breve periodo di riabilitazione e un rapido miglioramento del benessere del paziente. L'essenza della rimozione transuretrale dell'adenoma consiste nell'asportazione del tumore attraverso l'accesso attraverso l'uretra.

Il chirurgo con l'aiuto di strumenti endoscopici resettoscopio penetra l'uretra nella vescica, la esamina, trova il luogo di localizzazione del tumore e la estrae con un cappio speciale. La condizione più importante per un TOUR di successo è una buona visibilità durante le manipolazioni. La durata dell'operazione è limitata a un'ora. L'adenoma viene asportato in parti, sotto forma di trucioli, fino a quando il parenchima della ghiandola stessa appare in vista.

A questo punto, una quantità significativa di liquido si accumula nella vescica, con i "chip" del tumore fluttuanti, che vengono rimossi con uno strumento speciale. Dopo l'escissione del tumore e il lavaggio della cavità della vescica, il chirurgo è ancora una volta convinto che non vi siano vasi sanguinanti che possono essere coagulati dalla corrente elettrica.

Se tutto è in ordine, il resettoscopio viene rimosso all'esterno e un catetere di Foley viene inserito nella vescica. L'installazione del catetere di Foley è necessaria per comprimere il sito in cui si trovava l'adenoma il catetere ha un palloncino gonfiabile all'estremità.

Produce anche un costante risciacquo della vescica dopo l'operazione. Questo è necessario per prevenire l'ostruzione operazione di rimozione obbligatoria BPH sezione di uscita da coaguli di sangue e la scarica costante di urina, che fornisce riposo alla vescica guaritrice. Il catetere viene operazione di rimozione obbligatoria BPH dopo diversi giorni, a condizione che non vi siano emorragie e altre complicanze.

Non dovresti aver paura, questo è normale e non dovrebbe accadere di nuovo. Nel periodo postoperatorio, si raccomanda di urinare frequentemente per prevenire lo stiramento delle pareti della vescica, permettendo alla sua membrana mucosa di rigenerarsi. L'operazione non è mirata all'asportazione della neoplasia stessa, ma al ripristino del flusso di urina e consiste nel sezionare il tessuto tumorale. Tra i metodi operazione di rimozione obbligatoria BPH di trattamento operazione di rimozione obbligatoria BPH prostatico sono la rimozione laparoscopica.

Viene effettuato utilizzando l'attrezzatura inserita nella cavità pelvica attraverso le forature della parete addominale. Tecnicamente, tali operazioni sono complesse, richiedono la penetrazione nel corpo, quindi, TUR è preferito.

I metodi di trattamento minimamente invasivi sono stati sviluppati e implementati con successo in vari campi della chirurgia, inclusa l'urologia. Sono effettuati attraverso l'accesso transuretrale.

Questi includono:. I vantaggi del trattamento minimamente invasivo sono la relativa sicurezza, meno complicazioni rispetto alla chirurgia a cielo aperto, un breve periodo di riabilitazione, nessun bisogno di anestesia generale e operazione di rimozione obbligatoria BPH possibilità del suo uso negli uomini, che l'operazione è controindicata in linea di principio per un numero di malattie concomitanti insufficienza cardiaca e polmonare grave, patologia della coagulazione sangue, diabete, ipertensione.

Le differenze sono solo nella forma di energia fisica che distrugge il tumore: laser, ultrasuoni, elettricità, ecc. La termoterapia a microonde consiste nell'esporre un tessuto tumorale a microonde ad alta frequenza, che lo riscaldano e distruggono.

La vaporizzazione porta al riscaldamento del tessuto, all'evaporazione del fluido dalle cellule e alla loro distruzione. La procedura è sicura ed efficace. Quando criodistruzione, al contrario, l'adenoma viene distrutto dall'azione del freddo. Lo strumento standard è l'azoto liquido. Il muro dell'uretra durante la procedura viene riscaldato per prevenirne il danno.