Rimozione dellovaio di cancro alla prostata

Tumore dell'ovaio: fattori di rischio, sintomi, diagnosi e prevenzione

Prostamol che può essere sostituito

Nel mondo si stimano In Italia, sono rimozione dellovaio di cancro alla prostata 5. Per la prevalenza, vale a dire il numero di malate viventi con tale neoplasia, si stima, in base ai dati dei Registri Tumori, che in Italia vi siano circa Anche la prevalenza è distribuita in modo non omogeneo, con circa donne al Sud, al Centro e circa al Nord malate 1 Figura 1c.

Questa sostanziale stabilità di incidenza e mortalità non lascia quindi supporre che alcun rilevante fattore di rischio sia stato introdotto negli ultimi anni. Questo fattore è emerso anche indipendentemente dal numero delle gravidanze e suggerisce pertanto che la prima gravidanza in età precoce possa conferire una specifica protezione.

Il rischio relativo appare aumentato nelle donne con menarca precoce o menopausa tardiva. Alcuni studi hanno inoltre riportato un aumento di rischio nelle donne non sposate e di classe sociale superiore. Rispetto alla rimozione dellovaio di cancro alla prostata ormonale sostitutiva in menopausa, la questione è ancora controversa in quanto al contrario di quello riportato per il tumore rimozione dellovaio di cancro alla prostata mammella, pochi studi evidenziano un aumento di rischio 8,9.

Molti studi hanno evidenziato un rimozione dellovaio di cancro alla prostata di rischio solo nelle nullipare e, in mancanza di dati riferiti anche a donne con figli, si è portati a supporre possibili errori dovuti a meccanismi di selezione delle donne.

Inoltre, se sopraggiunge una gravidanza durante il trattamento, la percentuale di rischio ritorna ai valori della popolazione generale Familiarità Un aumento di rischio è stato riscontrato nelle donne con storia familiare di cancro ovarico e cancro della mammella.

Il rischio raddoppia se vi sono due o più parenti di primo grado con cancro ovarico. Inoltre, molti casi di cancro di ovaio e mammella sono stati riportati nella stessa famiglia Forme ereditarie di carcinoma ovarico Il tumore ovarico in queste famiglie è caratterizzato da casi multipli di tumore al seno ed ovarico in generazioni successive, con età più giovane di insorgenza.

Alcuni studi hanno inoltre evidenziato un aumento di rischio modesto, anche per la presenza di familiari di primo grado con altri tumori, in particolare stomaco, intestino e linfomi. La donna trattata per un pregresso tumore ha un rischio di sviluppare un secondo tumore 13, Attività fisica Diversi studi hanno evidenziato una relazione inversa tra attività fisica e rischio di cancro ovarico. Si ipotizza che tale attività possa ridurre i livelli di estrogeni ed il numero delle ovulazioni Numerosi studi sia prospettici sia retrospettivi hanno evidenziato un effetto protettivo della dieta rimozione dellovaio di cancro alla prostata di vegetali e pesce; inoltre, alcuni studi evidenziano anche un ruolo protettivo del grano integrale oltre che delle fibre in genere.

Tale relazione è meno evidente nelle forme mucinose 16, Per quanto riguarda i micronutrienti, alcuni studi hanno evidenziato una relazione inversa con la vitamina A, in particolare con il suo precursore beta-carotene. Nessuna relazione viceversa è emersa con altri micronutrienti vitamine C, D, Ementre un lieve effetto protettivo è stato individuato per il calcio.

Recentemente, alcuni studi hanno valutato il ruolo dei flavonoidi, un vasto gruppo di polifenoli con attività antiossidante presenti in numerosi alimenti frutta, vegetali, vino rosso, tè. Non sono quindi, congiuntamente rimozione dellovaio di cancro alla prostata natura stessa delle variabili, di grande valore ai fini di qualsiasi programma di prevenzione o di diagnosi precoce. In queste famiglie é ovviamente consigliabile una stretta sorveglianza.

I tumori in Italia, Rapporto I trend dei tumori negli anni duemila I tumori in Italia, Rapporto La prevalenza dei tumori in Italia. Persone che convivono con un tumore, lungo sopravviventi e guariti. I Tumori in Italia. Rapporto Beral V, Fraser P et al.

Does pregnancy protect against ovarian cancer? Lancet May; 1 Curado MP, Edwards B et al. Cancer incidence in five continents. Pelucchi C, Rimozione dellovaio di cancro alla prostata C et al. Lifetime ovulatory cycles and ovarian cancer risk in 2 Italian case-control studies. Am J Obstet Gynecol Jan; 1 e Whiteman DC, Siskind V et al. Timing of pregnancy and the risk of epithelial ovarian cancer. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev ; 12 1 Bosetti C, Negri E et al.

Long-term effects of oral contraceptives on ovarian cancer risk. Int J Cancer ; 3 Effect of anovulation factors on pre- and postmenopausal ovarian cancer risk: revisiting the incessant ovulation hypothesis. Am J Epidemiol ; 4 A case-control study of ovarian cancer risk in relation to infertility and the use of ovulation-inducing drugs.

Am J Epidemiol ; 11 Chiaffarino Rimozione dellovaio di cancro alla prostata, Pelucchi C et al. Breast feeding and the risk of epithelial ovarian cancer in an Italian population. Gynecol Oncol Aug; 98 2 Negri E, Pelucchi C et al. Family history of cancer and risk of ovarian cancer. Eur J Cancer Mar; 39 4 Antoniou A, Pharoah PD et al.

Average risks of breast and ovarian cancer associated with BRCA1 or BRCA2 mutations detected in case Series unselected for family history: a combined analysis of 22 studies. Am J Hum Genet May; 72 5 Recommendations for the rimozione dellovaio di cancro alla prostata of individuals with an inherited predisposition to Lynch syndrome: a systematic review.

Tavani A, Gallus S et al. Physical activity and risk of ovarian cancer: an Italian case-control study. Int J Cancer Feb 1; 91 3 Diet and ovarian cancer risk: a case-control study in Italy. Int J Cancer Sep; 93 6 J Natl Cancer Inst ; 99 20 Bidoli E, La Vecchia C et al.

Micronutrients and ovarian cancer: a case-control study in Italy. Ann Oncol Nov; 12 11 Rossi M, Negri E et al.

Flavonoids and ovarian cancer risk: a case-control study in Italy. Int J Cancer Aug 15; 4 Dal Maso L, Franceschi S et al. Body size indices at different ages and epithelial ovarian cancer risk. Eur J Cancer Sep; 38 13 Si distinguono 4 categorie principali:. Tumori sierosi benigni : si presentano usualmente come lesioni cistiche uniloculari o multiloculari, più raramente come lesioni papillari esofitiche.

In alcuni di questi tumori sono evidenti papille a stroma fibromatoso, aggettanti nel lume. Quando i tumori sono cistici, si definiscono cistoadenomiquando si presentano con papille a stroma fibromatoso, si definiscono cistoadenofibroma ; la proliferazione esofitica configura il papilloma di superficie.

Microscopicamente, i tumori sierosi borderline sono usualmente cistici multiloculari e contengono numerose papille crescita endofitica. Le cellule neoplastiche usualmente non infiltrano lo stroma, ma in rari casi possono invadere lo stroma per un massimo di 10 mm 2 4.

Una nuova classificazione proposta da Kurman et al. Una caratteristica peculiare dei tumori borderline sono i cosiddetti impianti: si tratta di localizzazioni a distanza di tumori borderline e sono distinte in due principali categorie: impianti non invasivi ed impianti invasivi.

Gli impianti non invasivi sono spesso confinati sulla superficie del peritoneo. Gli impianti invasivi, invece, infiltrano il tessuto circostante e si contraddistinguono per i contorni irregolari, assomigliando a metastasi di carcinoma di basso grado 6.

La natura degli impianti è correlata con la prognosi del tumore stesso. I tumori rimozione dellovaio di cancro alla prostata senza impianti o con impianti non invasivi hanno una prognosi eccellente; i tumori borderline con impianti invasivi hanno una prognosi simile a quella dei carcinomi di basso grado.

Microscopicamente, possono avere aspetto solido o cistico e contenere aree necrotiche ed emorragiche. Per tali motivi, è opportuno eseguire un campionamento esteso della neoformazione. Esistono due sottotipi: intestinale ed endocervicale. Tumori mucinosi di tipo intestinale : si presentano spesso come masse di grosso volume, che raggiungono un diametro sino a 30 cm ed un peso di molti chilogrammi. Appaiono in genere come neoformazioni cistiche multiloculate con aree solide.

In genere, sono masse monolaterali. Focalmente, si possono osservare tratti di epitelio pluristratificato, con atipie lievi o moderate e senza aspetti di invasione dello stroma. Si riconoscono due diversi pattern di invasione, che vanno segnalati nei referto finale. Infatti, i carcinomi possono invadere con pattern espansivo correlabile ad una migliore prognosi oppure invadere lo stroma con pattern di tipo infiltrativo, a singole cellule. Questa modalità di infiltrazione è correlata a peggiore prognosi 8.

Tumori mucinosi di tipo endocervicale : nella forma benigna, questa variante mostra un epitelio di rivestimento simile a quello endocervicale. Microscopicamente, si presenta in genere come una formazione cistica prevalentemente uniloculare diametro medio di 8 cm.

Microscopicamente, le papille sono rivestite da cellule poligonali con ampio citoplasma eosinofilo; le atipie nucleari sono in genere lievi-moderate ed è presente modesta attività mitotica.