Se una donna può infettare luomo della prostata

I giorni fertili della donna. L'ovulazione quando avviene?

Che cosa accadrà se assunto con alcool vitaprost

Essi pensa com'era ''tossemico'' Ludovico che a 4 mesi ha preso la varicella dopo la sorella!! Stando a questo articolo era colpa del latte materno visto che solo di quello si alimentava. Anche ammesso che il mio latte fosse tossico allora perché io non l'ho presa? Forse la medicina ufficiale dice un sacco di falsità, ma questo articolo non é certo da meno.

Cara LaStregona non sono qui a dettare verità. Le verità di ognuno di noi sono la sua realtà, esse sono formate dalle credenze e percezioni le quali a se una donna può infettare luomo della prostata volta si basano sulle conoscenze ed se una donna può infettare luomo della prostata. I virologi altamente qualificati hanno messo in discussione la tesi ufficiale, non certo io, io ho l'obbligo personale di valutarla, confrontarla con la tesi ufficiale e trarne le mie conclusioni.

Ovviamente quasi sempre si rimarrà sulle ipotesi non certezze sbandierate dalla sanità poiché le basi professionali per giungere a nuove conclusioni spesso sono insufficienti a delineare una conclusione differente. Conosco persone che amano la chemioterapia per quello che è riuscita a fare con loro, persone che si vaccinano di frequente anche in età adulta e non smetterebbero mai di farlo, persone che comprendo appieno, ma non per questo posso abbracciare le loro tesi. Se per te è interessante conoscere la verità in merito a questo articolo ora hai degli elementi in più su cui indirizzare le tue ricerche, partendo magari dal sentire il parere di un virologo; se invece vuoi sapere di cosa si sia ammalato Ludovico potresti leggere cos'è la nuova medicina germanica e rivolgerti ad un esperto in merito per avere risposte da personale qualificato e competente.

Grazie, il tuo intervento è stato per me gradito e costruttivo. A presto. Hamer riguardante il sistema ontogeneticamente determinato dei microbi; a tal proposito la varicella viene appunto contraddistinta come riparazione a seguito di un conflitto di separazione e deturpamento, per essersi sentiti trattati se una donna può infettare luomo della prostata, insidiati, sporcati: interessati sono la pelle e il derma.

Perchè alcuni virus si ripropongo e altri tipo la varicella una volta e basta? Marcello dobbiamo approfondire questo discorso Grande peter, grazie per le tue implementazioni, utilissime e gradite. Anche sul fronte virus dobbiamo chiaramente approfondire il discorso, ma sarà un'osso duro riprogrammare la convinzione collettiva dopo un secolo di dubbie verità fornite al popolo.

Ci saranno dei ripensamenti ufficiali, ma saranno programmati e a piccole gocce, non deve sembrare che ci sia stato un inganno consapevole. Questo vale purtroppo non solo per la medicina, ma per tutte le scienze che tengono nascosto il sapere in favore di pochi. Ahahahah Certo, la bambina si vergogna ed è subito varicella. Qui di inesistente c'è di sicuro la materia grigia, ho le prove io! Penso a tutto io, ho sia la paziente "infetta" che il regista.

Mi dica quando è disponibile. Altrimenti sono le solite chiacchiere new age. Cordiali Saluti. La malattia non è causata da loro, batteri e virus, che invece sono una conseguenza della malattia, non causa. La teoria dei germi ha stravolto quello che prima già si conosceva ed ha imposto tali conoscenze a tutti i medici del pianeta quindi appare sensato dubitare di tali conoscenze. In relazione all'Hiv poi la vicenda è ancora più grottesca visto che uno dei due scopritori dott.

Gallo ha confermato in tribunale di non aver mai isolato il virus e l'altro scopritore dott. Montagner ha invece spiegato che l'hiv viene eliminato dal corpo in maniera autonoma nel gioro di qualche settimana, senza mai aver confermato se una donna può infettare luomo della prostata sua scoperta Buona vita Luca. Tutte azioni che possono essere commesse da un organismo vivente. Tuttavia i virologi ammettono che i viruspur avendo natura peculiarmente organica, non possiedono metabolismo, non possono essere replicati in laboratorio e non possiedono in generale alcuna caratteristica degli esseri viventi e, in realtà, non sono mai stati osservati vivi.

I virus contengono acido nucleico e proteine, ma non possono essere considerati vivi, perchè mancano dei prerequisiti fondamentali, e cioè dei meccanismi di controllo metabolico che perfino i batteri meno evoluti possiedono. Secondo i testi di virologia e microbiologia i virus presentano le seguenti caratteristiche, che sono incompatibili con la vita:. Non possono elaborare il cibo o il nutrimento e dunque non possiedono strumenti per formare energia.

Sono solo un contenitore, o schema di informazioni, come lo sono i genomi. Essi sono comunque morti o inattivi: non sono altro che molecole di DNA e proteine. Ma allora cosa sono i virus? Quando una cellula muore, essa viene disintegrata dai lisosomi, potenti enzimi intracellulari che frammentano i componenti cellulari in particelle ultra-minute affinché il corpo possa prontamente riciclarle o espellerle come scarti.

Ogni giorno, a seconda del nostro livello di tossicità, muore un numero di cellule comprese fra milioni e oltre mezzo trilione di cellule; ognuna di esse contiene in media dai 5.

Ed è qui che la spiegazione diventa interessante. I virus non sono altro che materiale organico inerte, completamente privo di qualsiasi caratteristica di vita e che nessuno ha mai visto in azione. Per se una donna può infettare luomo della prostata motivo i virus non possono provocare malattie : Attribuire ai virus una qualsiasi attività è più o meno come attribuire delle azioni alla testa decapitata di un cadavere!

Quando il corpo genera o assume piu scorie di quanto sia in grado di espellere con le operazioni di norma, genera un processo per massimizzare questa disintossicazione. Solo quando le scorie superano una soglia critica inizia la malattia. Il contagio, nelle modalità in cui lo immaginiamo, è un illusione. Se una donna può infettare luomo della prostata scambio di materiale se una donna può infettare luomo della prostata attiva, affretta o sollecita il processo di malattia in coloro che sono già tossemici.

Prendiamo come esempio i raffreddori. Come mai negli anni i laboratori del National Institute of Health di Bethesda, nel Maryland, condussero sperimentazioni sulle influenze che non mostrarono alcuna prova che esse fossero dovute a contagio? Ci se una donna può infettare luomo della prostata più casi di influenza nel gruppo di controllo. Contemporaneamente, subito dopo la tradizionale Festa del Ringraziamento, il numero di ammalati in entrambi i gruppi ebbe un picco improvviso, come è lecito aspettarsi quando vengono consumati cibi e bevande eccessive durante una festività.

Poichè la malattia è il processo tramite il quale il corpo espelle scorie, sopprimerla senza eliminare le cause non risolve se una donna può infettare luomo della prostata problema. Alla luce di questi fatti, è assurdo utilizzare un farmaco per uccidere virus e batteri: i farmaci uccidono una grande quantità di batteri con cui viviamo in simbiosi non i virus, che sono già mortie sono altrettanto dannosi ad ogni altra forma di vita metabolica, cellule umane incluse.

Un alimentazione naturale limita drasticamente la quantità di scorie nel nostro organismo. Considerando la febbre per quello che è, ovvero come una geniale risposta del nostro organismo a una situazione di pericoloessa non va combattuta, ma anzi analizzata e controllata facendo si che svolga il proprio compito nel modo migliore. Se avete un corpo sano. Troppo facile e troppo banale. Roba da bambini delle scuole materne. Non più gli spiriti maligni, ma i batteri maligni.

Ma lo fece tardivamente, negli ultimi istanti della propria vita. Riconobbe allora che le malattie sono causate dalle condizioni del terreno biologico, cioè dalle condizioni del soggetto, e non dai batteri. Con gli studi successivi di Koch, e soprattutto col contributo fondamentale dei movimenti igienistici, si comprese meglio ancora come i batteri accompagnassero le malattie, senza esserne assolutamente la vera causa.

Oppure provengono da eccessi, ossia eccessi di tossine, eccessi di fatica, eccessi di stress. In ogni caso, si parla di malattie di carattere tossico e non batterico-virale.

Non stiamo qui ad elencare le decine di influenze legionarie, aviarie, suine, sarsiane che sono state usate negli ultimi anni a scopi terroristici. Il terrore è oro colato. Sono pietre preziose. Lo ha sempre saputo la chiesa cattolica. Quando la fandonia degli spiriti ha cominciato a dissolversi, sulla spinta inesorabile delle ricerche scientifiche indipendenti e se una donna può infettare luomo della prostata, ecco allora la corsa verso il più piccolo, verso il mondo più invisibile.

Ecco dunque il rifugiarsi di nuovo nel comodissimo regno degli spiriti, chiamati modernamente virus. Making money is the name of the game Fare i soldi è il nome del giocodicono in America, dove le cose avvengono sempre 20 anni prima, e si capiscono 20 anni prima che negli altri posti.

Al massimo puoi fotografare il capside esterno dove si è cacciato del materiale virus, similmente alla spazzatura che finisce negli angoli più reconditi di una stanza. I grandi truffatori della malattia AIDS non sono andati in vacanza. Si trovano tra noi. Chiaramente non hanno mai isolato il virus HIV che non esiste, e che mai troveranno. E hanno persino realizzato delle fotografie del supposto virus HIV, prendendo di nuovo per i fondelli il mondo intero.

Per loro il Carnevale non ha soste. Sono riusciti a falsificare minerali e vitamine, colori e sapori, e stanno pure cercando di falsificare se una donna può infettare luomo della prostata DNA e i nostri codici genetici, figurarsi se si fanno mettere nel sacco per le loro incongruenze nella faccenda HIV.

Hanno fatto ancora di più. Sono riusciti a far vincere il premio Nobel al neo-pasteuriano francese Luc Montagnier, premiato per la scoperta di una malattia che non esiste e di un virus che né lui né altri hanno mai isolato. I dizionari e i testi ufficiali delle università parlano del virus come di un microrganismo velenoso e infettante, come di un agente infettivo sub-microscopico, o di molecole complesse racchiuse in un guscio o un cappotto o una se una donna può infettare luomo della prostata esterrna di lipo-proteina.

Tutte cose approssimative e false. Prive di testa e di coda, prive di intelligenza cinematografica e di ragionamento funzionale. Si parla persino di moltiplicazione di virus, e vengono attribuite ai virus proprietà e caratteristiche come lentezza, latenza, infettività, volontà, migrazione. Virus insomma considerato come un essere vivente o quasi, che mangia e beve e fa la cacca.

Parliamo di fica ragazzi, che è molto meglio, direbbe il mio amico Edoardo, che se se una donna può infettare luomo della prostata intende assai più dei ricercatori di laboratorio. Ma negli uffici del CDC predominano gli omosessuali, quelli che hanno fatto fallire il progetto originario chiamato GRID Gay Related Immunology Disease sostituendolo col progetto AIDS, meno infamante per la loro categoria ed anche molto più redditizio a livello pecuniario. Virus dunque strumento di terrore.

In latino virus significa veleno. Coi virus è diverso. Lo stesso dr G. Non intendo assolutamente innescare delle polemiche interne con Vanoli, per il quale provo rispetto, solidarietà ed amicizia innanzitutto.

Non metto in dubbio le qualità di Stefan Lanka, e nemmeno il fatto che lui abbia isolato molti virus, mentre chi scrive non bazzica se una donna può infettare luomo della prostata certo nei laboratori biochimici. Anche Pasteur isolava e individuava batteri, ma poi li interpretava ugualmente in modo errato. Non perché non se ne intenda.

Lo contesto perché la virologia è superflua come scienza. La vedo solo come una sezione della microbiologia. Tra qualche anno, quando il mondo rinsavirà e si parlerà di virus come di trappola mentale del passato, nessuno si sognerà più di definirsi virologo.