Zona di transizione della prostata

Ipetrofia prostatica, sintomi, diagnosi e cure. Dr Andrea Militello Urologo a Roma Viterbo L'Aquila

Moglie fa il marito della prostata video di massaggio trio

Un secolo di storia e nuovi orizzonti Nonostante che le infiammazioni croniche della ghiandola prostatica fossero già state diagnosticate più di un secolo fa, il progresso della conoscenza scientifica sulle cause che determinano tale patologia ha avuto un cammino molto lento e tortuoso. Per questo motivo la prostatite cronica è stata definita dagli stessi urologi come il cestino dei rifiuti dell'ignoranza medica. E' di assoluta importanza sfatare subito una delle più grosse leggende propagate dalla comunità urologica internazionale fino a pochi anni fa, e cioè che la prostatite cronica non sia una patologia di primaria importanza, sia per quanto concerne la diffusione sia per quanto riguarda l'impatto che essa determina sulla qualità di vita dei pazienti.

Infatti la realtà che lentamente sta venendo alla luce dimostra che la prostatite è una patologia molto comune e con sintomi fortemente invalidanti. Fattori ambientali, comportamentali o genetici individuati durante tali studi possono dare indicazioni su potenziali rischi ed aiutare la messa a punto di terapie efficaci. Questa breve introduzione sull'anatomia e sulle funzioni della prostata non vuole essere assolutamente una complessa ed esauriente dissertazione medico-scientifica, che risulterebbe noiosa e di scarso interesse.

Negli ultimi anni si è acceso un forte dibattito sulle possibili cause delle sindromi pelvico prostatiche che ha coinvolto non solo gli urologi, ma anche specialisti di altre discipline mediche. Infatti appare ormai chiaro alla maggiorparte dei ricercatori che un corretto studio eziologico delle sindromi pelvico prostatiche richieda necessariamente un approccio a gradi, senza fossilizzarsi sulla sola causa infettiva. Parlare di zona di transizione della prostata idonee nella cura delle prostatiti croniche e, a maggior ragione nel caso delle sindromi prostatiche croniche, risulta assai difficile.

Negli anni passati la scelta di una determinata opzione terapeutica si è basata quasi esclusivamente su dati empirici, senza poter contare su risultati ottenuti con precise sperimentazioni. I soli dati a disposizione riguardavano l'efficacia di alcuni antibiotici nella cura delle prostatiti batteriche acute e croniche. Soltanto negli ultimi anni sono iniziati degli studi specifici per verificare la validità delle varie terapie nelle diverse categorie di prostatite, che si spera potranno fare maggiore chiarezza sull'idoneità delle cure oggi disponibili.

In questo paragrafo ci limiteremo a fare un quadro sintetico delle principali linee guida, utilizzando la classificazione delle prostatiti prodotta dal National Institute of Health NIH nel e che, nonostante alcune critiche, viene comunque adottata dall'intera comunità urologica vedi Fig.

In questo breve testo riportiamo un elenco di norme comportamentali che possono aiutare il paziente ad alleviare la sintomatologia dolorosa.

Nonostante possa sembrare banale e di scarso interesse, è invece assolutamente dimostrato che l'assunzione di un corretto stile di vita lavorativo, alimentare, sessuale possa determinare un sensibile miglioramento del quadro zona di transizione della prostata. Vi invitiamo quindi a leggerle con la dovuta attenzione. Elenchiamo i principali esami diagnostici che possono venir prescritti ai pazienti affetti da prostatite cronica.

Recentemente numerosi ricercatori internazionali hanno avvertito la necessità di razionalizzare l'approccio diagnostico dei pazienti affetti da sindromi pelvico prostatiche, cercando di indviduare delle linee guida comuni.

Un primo tentativo di delineare un corretto iter diagnostico fu fatto in occasione dell'incontro organizzato dall'International Prostatitis Collaborative Network zona di transizione della prostata a Washington nel Durante tale incontro, un gruppo internazionale di urologi ha individuato un insieme di possibili esami diagnostici e concordato di suddividerli in tre diverse categorie: esami obbligatori, esami consigliati ed esami facoltativi.

Nei due successivi meeting internazionali che ebbero luogo a Chantilly Stati Uniti e a Giessen Germania neltale idea venne ulteriormente approfondita e i ricercatori concordarono che la diagnosi del paziente affetto da sindrome prostatica dovesse basarsi su un criterio di esclusione, cioè individuando una serie di esami atti ad escludere la presenza di particolari patologie che possono dar luogo a sintomi prostatici. Vediamo quindi quali sono questi esami diagnostici e cerchiamo di comprendere con quali criteri tali esami sono stati scelti vedi Fig.

La prostatite cronica è una condizione che comporta la coesistenza di svariati sintomi, non a caso si parla di sindromi prostatitiche. Questi sintomi possono presentarsi in diverse combinazioni, variabili a seconda del paziente, e naturalmente con intensità diverse a seconda zona di transizione della prostata paziente e dei periodi. I sistemi di cura alternativi stanno acquistando sempre zona di transizione della prostata interesse tra i pazienti affetti da sindromi prostatiche croniche.

Purtroppo, zona di transizione della prostata frequente mancanza di soddisfacenti risultati con l'uitlizzo di terapie tradizionali e la conseguente perdita di fiducia tra il medico e il paziente, spingono numerose persone a sperimentare terapie ritenute meno pericolose per la propria salute.

Tuttavia, le terapie alternative vengono fatte oggetto di alcune critiche, tra cui la mancanza di una seria validazione scientifica. È comunque altrettanto vero che anche numerose terapie considerate tradizionali vengono spesso utilizzate senza avere dati certi sulla loro efficacia. Lingue Seleziona la lingua: English Italian. In questo momento ci sono, 16 Visitatori e e 0 Zona di transizione della prostata e nel sito.

Zona di transizione della prostata ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui. Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. Sito realizzato con PHP-Nuke. Tutti i diritti riservati. Generazione pagina: 0.