Linfusione di aglio in adenoma prostatico

COME CURARE UNA PROSTATA INGROSSATA - I rimedi per curare la prostata

Trattamento della prostatite a casa

In tal caso il pz viene portato in sala operatoria nelle migliori condizioni per poter superare lo stress operatorio ed evitare le complicanze. Intervento Chirurgico dUrgenza immediata nel caso di pz in gravi condizioni politraumatizzati gravi oppure urgenza differibile se c un po di tempo per studiare il pz occlusione intestinale non complicata.

Le situazioni durgenza sono ad alto rischio di mortalit. Inoltre, possiamo fare una distinzione tra: - intervento di chirurgia maggiore: si interviene su pi organi, stress chirurgico, alto rischio di mortalit. In base al grado di contaminazione possiamo fare una distinzione tra: - intervento chirurgico pulito: rischio di infezione molto basso colecistectomia per via videolaparoscopica.

Inoltre, abbiamo Lintervento diagnostico come la laparoscopia esplorativa: consente di osservare tutti i visceri addominali e di valutare le strutture interessate da una patologia. E un intervento radicale dal punto di vista chirurgico e oncologico, con grosse probabilit di guarigione per il pz. Intervento Chirurgico Palliativo: tumori nelle fasi avanzate con metastasi a distanza per cui inutile ricorrere ad un intervento ampiamente demolitivo, per cui si tratta di un intervento radicale dal punto di vista chirurgico ma non oncologico.

LIntervento chirurgico rappresenta un momento di grande stress per il pz per cui molto importante la fase di preparazione del pz allintervento chirurgico o fase pre-operatoria.

La prima tappa della fase preoperatoria la Visita Preoperatoria che si basa sullanamnesi, esame obiettivo, esami di routine preoperatoria, cio indagini di laboratorio e strumentali. Anamnesi: raccolta accurata di tutte le informazioni che riguardano la storia clinica del pz, pu essere fisiologica, familiare, patologica remota e prossima. Esame Obiettivo: esame fisico del pz che si basa su 4 tappe, cio ispezione, palpazione, percussione, auscultazione.

Le indagini di routine preoperatoria sono: Indagini di Laboratorio: esame emocromocitometrico con formula leucocitaria, Hb, HCT, fx renale, fx epatica Rx Torace: fx respiratoria, patologie in atto o silenti clinicamente dellapparato respiratorio.

Consulenza Cardiologica, ECG, Ecocardiografia: per valutare la fx cardiocircolatoria, presenza di patologie cardiache in atto o silenti clinicamente o pregresse. La legge impone il Consenso Informato per evitare guai dal punto di vista medico-legale: cio occorre stabilire un linfusione di aglio in adenoma prostatico rapporto di fiducia medico-pz, il medico deve descrivere in maniera semplice la patologia di cui soffre il pz, le strategie terapeutiche e i risultati, cio vantaggi e svantaggi della tecnica chirurgica, possibilit di successo o di complicanze intra o post-operatorie.

Infatti, la visita preoperatoria consente di valutare tutti i fattori di rischio e a quale classe di rischio appartiene un pz: il Rischio Operatorio la probabilit che nel periodo intra e postoperatorio possano verificarsi delle complicanze tali da compromettere lefficacia dellintervento e la guarigione del pz. Tra i Fattori di Rischio abbiamo: Et del pz: il pz anziano ad alto rischio chirurgico perch psico e immuno-depresso, povero di riserve, denutrito, lento nel recupero, si adatta poco allo stress operatorio, tenendo conto che in genere presenta un decadimento fisiologico della fx respiratoria, cardiocircolatoria, renale, epatica, osteo-articolare Tipo di intervento: lintervento di chirurgia maggiore e durgenza sono ad alto rischio.

LInsufficienza Cardiaca, frequente nei soggetti anziani, spesso dovuta a cardiopatia ipertensiva, cardiopatia ischemica, cardiomiopatia dilatativa, scompenso cardiaco da cuore polmonare cronico o IMA, alterazioni del ritmo e della conduzione aritmieresponsabili di alterazioni emodinamiche, insufficienza circolatoria acuta post-operatoria che pu essere aggravata dalledema polmonare acuto.

Nel periodo intraoperatorio lassistenza anestesiologica consente di ottenere una buona stabilit emodinamica, ma bisogna stare attenti alle complicanze post-operatorie che dipendono dalla gravit della cardiopatia, tipo di intervento e durata dellanestesia.

Nei pz con Ipertensione Arteriosa bisogna continuare la terapia antipertensiva fino al giorno dellintervento per migliorare la stabilit emodinamica durante lintervento stesso.

Altri fattori di rischio sono: le alterazioni dellemostasi e coagulazione con alto rischio di emorragie intra e postoperatorie oppure di tromboembolie fino alla CID o coagulazione intravascolare disseminata grave coagulopatia. I pz ad alto rischio di tromboembolie sono: pz affetti da epatopatie croniche cirrosi epaticanefropatie croniche, coagulopatie primitive e secondarie, varici degli arti inferiori, interventi chirurgici ortopedici, ginecologici, prostatici che costringono il pz a stare immobile a letto per lunghi periodi di tempo.

E importante la profilassi eparinica e il monitoraggio dei parametri emocoagulativi per valutare lefficacia della terapia, cio si controlla: - tempo di protrombina PT o tempo di Quick: per valutare la presenza di deficit della via comune ed estrinseca della coagulazione cio il deficit dei fattori della coagulazione V, VII, X, protrombina e fibrinogeno.

In genere, si somministra eparina calcica alla dose di UI due h prima dellintervento e poi ogni h dopo lintervento, fino a quando il pz non sar in grado di alzarsi dal letto. Bisogna stare attenti alle emorragie acute tenendo conto della quantit di sangue che viene perso e della velocit con linfusione di aglio in adenoma prostatico viene perso linfusione di aglio in adenoma prostatico allo shock ipovolemico e ipoperfusione degli organi vitali con insufficienza cardiaca, renale, epatica e cerebrale, con morte del pz se non si interviene subito.

SCORE SYSTEM di GOLDMAN analisi multifattoriale del rischio operatorio Lo Score System di Goldman consiste nellassegnare un punteggio ad una serie di parametri che si ottengono mediante lanamnesi, lesame obiettivo, le indagini di laboratorio e strumentali, tipo di intervento chirurgico ed altri fattori, ottenendo 4 classi di rischio crescente di complicanze cardiovascolari, come la morte improvvisa da arresto cardiaco, IMA, edema polmonare acuto Esame Obiettivo: - III tono allauscultazione cardiaca insuff.

Tipo di intervento: - urgenza. Nel periodo post-operatorio il pz pu andare incontro a ipossia ridotta utilizzazione di O2 da parte dei tessuti legata al dolorebronchite, polmonite da riflesso della tosse inefficace.

Per cui bisogna studiare il pz nel periodo pre-operatorio con un Rx del torace, spirometria, lemogasanalisi, ricorrendo alla terapia antibiotica in presenza di infezioni batteriche e farmaci mucolitici per rendere pi fluide le secrezioni bronchiali e facilitare la loro espulsione con la tosse.

Dal punto di vista anestesiologico preferibile l'anestesia generale con intubazione linfusione di aglio in adenoma prostatico e ventilazione meccanica assistita. Il RISCHIO RENALE deve essere valutato in tutti i pz chirurgici: linsufficienza renale acuta postoperatoria ad alto rischio di mortalit specialmente nei pz anziani che presentano un decadimento fisiologico della fx renale, oppure che presentano patologie dellapparato renale prima dellintervento. Un altro fattore di rischio il DIABETE MELLITO che una sindrome dismetabolica ereditaria a patogenesi multifattoriale di competenza medica ma spesso richiede lintervento chirurgico perch i soggetti diabetici sono predisposti a varie malattie: ulcera linfusione di aglio in adenoma prostatico gastro-duodenale, pancreatite acuta e carcinoma pancreatico, cirrosi epatica, retinopatie fino alla cecit, nefropatie con insufficienza renale grave fino a richiedere lemodialisi, cardiopatie, dislipidemie e ipercoagulabilit del sangue con rischio di aterosclerosi, microangiopatie con ispessimento della membrana basale dei capillari, alterazione della permeabilit della parete capillare, del trofismo cellulare e deficit dei processi di riparazione dei vasi.

I pz diabetici sono pi sensibili alle infezioni batteriche e fungine e possono andare incontro a neuropatie sensitivo-motorie e neurovegetative con deficit dei movimenti dei muscoli esofagei, gastro-enterici e urogenitali, con conseguente linfusione di aglio in adenoma prostatico, atonia gastro-enterica, diarrea, difficolt alla minzione Quindi il pz diabetico un soggetto ad alto rischio chirurgico: necessaria la collaborazione tra il diabetologo e il chirurgo, monitorando prima e dopo lintervento glicemia, glicosuria, azotemia ed altri parametri importanti, perch lo stress chirurgico pu favorire una crisi iperglicemica da iperincrezione di adrenalina e cortisolo a livello surrenale oppure una crisi ipoglicemica da digiuno prolungato.

Per valutare lo stato di nutrizione del pz si valutano le proteine totali e il rapporto tra massa magra proteica e massa grassa adiposa osservando lo spessore della cute del braccio plica cutanea. Bisogna stabilire a quale classe di rischio appartiene il pz mediante: - Anamnesi accurata del pz patologica remota e prossima, valutando la presenza di patologie congenite o acquisite, se il pz ha il diabete o lipertensione arteriosa, interventi chirurgici pregressi.

Secondo la Classificazione ASA abbiamo 5 classi di rischio anestesiologico: Classe ASA I: pz sano, in buone condizioni generali, giovane-adulto, cio si tratta di una classe di rischio generica, legata solo allintervento chirurgico perch si tratta di pz che non sono affetti da patologie organiche o sistemiche gravi. Classe ASA II: pz che presentano una lieve linfusione di aglio in adenoma prostatico sistemica senza nessuna limitazione funzionale, cio che non compromette la normale attivit del pz.

Ad esempio, si tratta di un pz affetto da una bronchite cronica, oppure un pz con obesit moderata, diabete ben controllato con la terapia medica, infarto miocardico di vecchia data, ipertensione arteriosa moderata linfusione di aglio in adenoma prostatico tenuta sottocontrollo linfusione di aglio in adenoma prostatico la terapia farmacologica antipertensiva.

Classe ASA III: pz che presentano una patologia sistemica grave con limitazione funzionale di grado moderato, cio affetti da una patologia sistemica grave ma non invalidante. Ad esempio, si tratta di un pz affetto da angina pectoris ben controllata dalla terapia, diabete insulino-dipendente, obesit di tipo patologica, insufficienza respiratoria moderata.

Linfusione di aglio in adenoma prostatico ASA IV: pz che presentano una patologia sistemica grave, invalidante, che rappresenta un pericolo costante per la sopravvivenza del pz.

Ad esempio, si tratta di un pz affetto da insufficienza cardiaca severa, angina pectoris instabile poco sensibile al trattamento, insufficienza respiratoria, renale, epatica o endocrina di grado avanzato, cio si tratta di pz che devono essere tenuti sottocontrollo e che necessitano di terapia continua per sopravvivere. Classe ASA V: pz moribondo, la cui sopravvivenza non garantita per 24 h, con o senza lintervento chirurgico, ad esempio un pz politraumatizzato grave in stato di shock o coma, oppure con infarto intestinale o unaltra situazione chirurgica durgenza, con poche possibilit di sopravvivenza per il pz.

Per questo motivo molto importante conoscere tutti i fattori di rischio e a quale classe di rischio linfusione di aglio in adenoma prostatico il pz, riferendo il tutto al pz e ai familiari in modo da evitare dei problemi linfusione di aglio in adenoma prostatico punto di vista medico-legale. Profilassi Preoperatoria E importante per la preparazione del pz allintervento chirurgico.

La Profilassi Antitromboembolica si basa soprattutto sulla somministrazione di eparina calcica alla dose di UI due ore prima dellintervento ed ogni h nel periodo postoperatorio, oppure eparina sodica a basso PM alla dose di UI per gg dopo lintervento, tenendo conto che si tratta di farmaci molto maneggevoli e che agiscono efficacemente anche con una sola dose giornaliera, essendo farmaci a lento assorbimento.

Inoltre, importante che il pz si alzi dal letto entro h dopo lintervento, oppure bisogna aiutare il pz a muovere le gambe per favorire la circolazione ed evitare il ristagno del sangue. A tal proposito la chirurgia laparoscopica quella pi favorevole perch abbiamo un decorso postoperatorio migliore, tanto che il pz in alcuni casi pu ritornare a casa gi dopo h dopo lintervento, come nel caso della colecistectomia non complicata. I pz pi a rischio sono quelli che gi prima dellintervento presentano patologie dellapparato respiratorio, cio affetti da bronchite cronica, asma bronchiale e i soggetti fumatori perch linfusione di aglio in adenoma prostatico fumo di sigaretta il principale responsabile delle complicanze bronco-polmonari postoperatorie.

La profilassi antibiotica obbligatoria nel caso degli interventi sporchi con apertura del torace o delladdome, nel caso degli interventi contaminanti cio quando si interviene su visceri cavi potenzialmente sterili come lo stomaco e la colecisti ed obbligatoria anche nel caso degli interventi puliti nelle sale operatorie di chirurgia universitaria perch spesso sono superaffollate da.

Inoltre, nel caso di interventi sullapparato gastro-enterico importante la dieta prima dellintervento, ricca di fibre, in modo da ridurre la massa fecale, poi si ripulisce lintestino con soluzioni lassative o clisteri, evitando che allapertura delladdome e del peritoneo ci sia la contaminazione del peritoneo con peritonite acuta e shock settico, ad alto rischio di mortalit. Le anastomosi eseguite con le suturatrici meccaniche o Stappler sono a basso rischio di linfusione di aglio in adenoma prostatico rispetto alle suture eseguite manualmente.

Decorso Postoperatorio Il Decorso Postoperatorio comincia dal momento in cui il pz viene esce dalla sala operatoria: - preferibile che il pz esca dalla sala operatoria in posizione semiseduta perch favorisce la ventilazione, cercando di evitare le complicanze broncopolmonari.

Per cui si aggiungono farmaci analgesici nella flebo per avere unazione pi rapida e duratura nel tempo. Si controlla la fx renale, fx epatica, si controllano le proteine totali presenti nel siero, in particolare lalbumina plasmatica. In base allo stato generale del pz, si stabilisce se il pz pu tornare ad alimentarsi regolarmente oppure se ricorrere alla nutrizione per via parenterale totale NPT. Bisogna stare attenti anche ai pz cardiopatici con insufficienza cardiocircolatoria, ai pz nefropatici con insufficienza renale acuta o cronica, ai pz cirrotici con ipertensione portale e ascite.

Lacqua abbondante nella massa magra, mentre la massa grassa ricca di tessuto adiposo. La maggior parte dellH2O presente nellorganismo viene introdotta dallesterno, ecco perch si consiglia di bere 1. Poi ci sono le perdite insensibili: sudore pz con febbre alta con perdita di cc di liquidi per ogni grado di TC corporea che aumenta, nel tentativo da parte dellorganismo di mantenere costante la TC corporea, riducendo gli eccessivi aumenti di calore.

Poi abbiamo la perspiratio insensibilis perdite che avvengono a livello polmonare e soprattutto le perdite patologiche da ustioni gravi ed estese, emorragie acute fino allo shock ipovolemico, diarrea profusa, vomito abbondante da occlusione intestinale alta, febbre molto alta di tipo settica I Disturbi Quantitativi cio le alterazioni della volemia sono dovute alle emorragie acute, ustioni gravi ed estese, traumi con rottura epatica, splenica o di grossi vasi addominali Il primo segno dellipovolemia la sete persistente, mentre lipervolemia si manifesta con edema linfusione di aglio in adenoma prostatico con segno della fovea cio si preme con un dito a livello degli edemi declivi degli arti inferiori e si crea una specie di fossetta.

LHCT viene definito come il rapporto tra il volume di plasma sanguigno e volume occupato dai globuli rossi, cio il volume occupato dai globuli rossi in ml di sangue. Molto utile la valutazione linfusione di aglio in adenoma prostatico Diuresi Oraria in modo da verificare anche lefficacia della terapia medica e la misurazione della PVC o Pressione Venosa Centrale che ci d informazioni sullo stato di idratazione del pz e quantit di liquidi da reinfondere vedi shock ipovolemico.

Le Cause responsabili delle alterazioni del bilancio idrico sono distinte in cause preoperatorie, operatorie e postoperatorie. Per cui molto importante il Bilancio Idrico nel pz chirurgico che si ottiene facendo la somma algebrica tra le entrate e le uscite: si usa il foglio del bilancio idrico che viene messo ai piedi del letto del pz, segnando sulla parte sx tutte le entrate e sulla parte dx tutte le uscite.

Nel caso di pz in gravi condizioni il foglio del bilancio idrico viene compilato 2 volte al giorno, segnando le entrate e le uscite dalle ore 8 alle ore 20 e dalle ore 20 alle ore 8 del giorno successivo, somministrando cc di liquidi, controllando lHCT, la diuresi e la PVC. Alla fine della giornata si fa la somma algebrica tra entrate e uscite, ottenendo 2 possibili risultati: bilancio idrico - se le uscite prevalgono sulle entrate, per cui il pz ancora disidratato.

Per cui possiamo fare una distinzione tra vari tipi di shock in base alla causa che lha provocato, cio shock ipovolemico, cardiogeno, settico, neurogeno, traumatico e post-operatorio, anafilattico.

Linfusione di aglio in adenoma prostatico CAUSE dello shock ipovolemico sono diverse: - linfusione di aglio in adenoma prostatico acuta interna o esterna da traumi con emoperitoneo, emotorace, emorragia gastrointestinale o retroperitoneale, aneurisma dissecante dellaorta.

I meccanismi di compenso sono di breve durata ed inefficaci in caso di shock ipovolemico grave, con evoluzione verso lo shock cardiogeno se non si interviene subito, perch non arriva pi sangue al cuore da pompare.

E molto importante il Monitoraggio dello shock ipovolemico che prevede diverse fasi: 1. Controllare la perviet delle vie aeree e si ricorre alla ventilazione meccanica assistita. Controllo della frequenza e del ritmo cardiaco linfusione di aglio in adenoma prostatico valutare precocemente le alterazioni cardiocircolatorie, mentre lECG consente di valutare la presenza di battiti ventricolari prematuri responsabili di gravi aritmie ventricolari e di altri disturbi della conduzione.

Misurazione della P Arteriosa che in caso di shock ipovolemico difficile da eseguire con lo sfigmomanometro a causa della vasocostrizione simpatica linfusione di aglio in adenoma prostatico con riduzione dellafflusso di sangue allavambraccio.

Le indagini di laboratorio consentono di valutare la fx renale perch nello shock ipovolemico si ha ipoperfusione renale con insufficienza renale acuta, oliguria fino allanuria azotemia, linfusione di aglio in adenoma prostatico, clearance renale dellurea, creatinina,glicosuria, proteinuria, peso specifico urine.

Inoltre, poich il fegato mette a disposizione il suo sangue per cercare di ripristinare la volemia, si avr ischemia del parenchima epatico con necrosi delle cellule epatiche con conseguente ittero a iperbilirubinemia diretta da insufficienza epatica.

Misurazione della Pressione Venosa Centrale PVC, normalmente pari a cmH2O, rappresenta la P presente nella vena cava superiore che riflette la P media dellatrio dx e la P telediastolica ventricolare dx. La PVC molto importante perch da informazioni sullindice di riempimento vascolare, ritorno del sangue venoso al cuore, stato di idratazione del pz, consentendo di stabilire la quantit di liquidi da reinfondere nel pz, valutando la risposta del pz ad un carico di volume.

La PVC misurata mediante un catetere inserito nella vena cava superiore a partire da una vena antecubitale cio la vena giugulare esterna o interna oppure la vena succlavia. Si reinfonde un carico di liquidi pari a dl nel giro di minuti e si misura la PVC: - se la PVC resta costante significa che la quantit di liquidi che stiamo reinfondendo giusta.

Se la diuresi non viene ripristinata significa che siamo gi nella fase di Insufficienza Renale Acuta su Base Organica con necrosi tubulare acuta, retrodiffusione della pre-urina, tubuloressi cio sfaldamento delle cellule tubulari e della membrana basale con edema interstiziale compressivo, ostruzione massiva dei tubuli distali e dei canali collettori.

In tal caso necessaria la resezione parziale o totale del rene ischemico rene grinzo. La TERAPIA dello shock ipovolemico si basa su: - ripristino della volemia: sangue intero o emoderivati, plasma expanders cio sostituti del plasma, come i destrani macrodex e rheomacrodex che hanno un P.

Inoltre, si somministrano per linfusione di aglio in adenoma prostatico e. Sono utili gli anticoagulanti, come leparina per evitare le complicanze tromboemboliche e gli antibiotici ad ampio spettro dazione per evitare lo shock settico. Le CAUSE dello shock cardiogeno sono: IMA, insufficienza valvolare acuta, grave insufficienza cardiaca congestizia da cardiopatia ipertensiva o valvulopatia, miocardiopatie e miocarditi che compromettono la fx sistolica, ostruzione meccanica della vena cava superiore con ostacolo al ritorno venoso o al riempimento ventricolare sx, trombosi di una protesi valvolare mitralica e mixoma atriale, aneurisma dissecante dellaorta, stenosi aortica, trombosi della protesi valvolare aortica responsabili di ostruzione allefflusso ventricolare sx.

Si fa una distinzione tra emorragie digestive superiori che originano a monte del legamento di Treitz ed emorragie digestive inferiori che originano a valle del Treitz.

Le emorragie digestive superiori in genere sono causate da un'ulcera peptica perforata gastroduodenale, rottura delle varici esofagee, gastrite erosiva, emorragica, lacerazione della giunzione esofago-gastrica o malattia di Mallory-Weiss, tumori oro-faringei, esofagei, gastrici, perivateriani, esofagiti.

Le emorragie digestive inferiori in genere sono causate da diverticoli del colon, carcinomi del colon-retto, retto-colite ulcerosa emorragica, morbo di Crohn, angiodisplasie del colon con emorragia di tipo venosa e incontrollabile con le trasfusioni, emorroidi e ragadi anali, infarto mesenterico, strozzamento intestinale, volvolo, invaginazione intestinale.

Alcune linfusione di aglio in adenoma prostatico lemorragia digestiva origina dalle vie biliari, come in caso di carcinoma dellepatocoledoco o della colecisti, calcolosi biliare con conseguente emobilia, oppure deriva dal pancreas, come in caso di una pancreatite acuta necrotico emorragica PANE. Inoltre, abbiamo le emorragie digestive di natura iatrogena, ad esempio da terapia anticoagulante in atto o pregressa, interventi chirurgici o indagini endoscopiche dellapparato digerente o dei grossi vasi addominali.

Poi ci sono soggetti predisposti alle emorragie digestive, cio con diatesi emorragica, oppure le emorragie da rottura di un aneurisma aortico fissurato nellesofago oppure rottura di un innesto vascolare nel tubo digerente.

Questa classificazione tiene conto solo della quantit di sangue che viene perso, mentre sono importanti anche la velocit con cui il sangue viene perso, et del pz, peso, malattie associate.